Quando una installazione elettrica viene colpita da un fulmine, si generano sovratensioni transitorie che possono danneggiare i vari componenti dell’impianto nonché costituire un pericolo per chiunque si trovi a lavorare nelle vicinanze. Una adeguata conoscenza dei fenomeni transitori legati alle fulminazioni è alla base della corretta realizzazione di un impianto di terra e del coordinamento dell’isolamento. A tale scopo è necessario sviluppare opportuni modelli circuitali e procedure di calcolo di validità generale che permettano di valutare l’efficacia dei criteri di protezione da adottare. Partendo da un modello di un sistema di captazione delle scariche atmosferiche (LPS) con struttura a gabbia di Faraday, e da quello dell’impianto di terra sviluppati negli anni passati, la presente ricerca intende approfondire lo studio della distribuzione dei potenziali e della correnti transitorie nell’intero sistema ed in particolare evidenziare le situazioni pericolose che si possono presentare all’interno della struttura che si vuole proteggere.

Un secondo aspetto della ricerca è invece focalizzato sullo sviluppo di modelli di impianti di terra complessi a parametri distribuiti, che meglio dovrebbero comportarsi nello studio degli impianti soggetti a fulminazioni rispetto ai più semplici modelli a parametri concentrati.

Infine, un terzo aspetto della ricerca è incentrato sulla valutazione dell’influenza degli impianti di messa a terra dei tralicci di una linea elettrica sulle sovratensioni indotte da fulminazioni. In particolare, quest’ultimo punto è sviluppato in collaborazione con i ricercatori dell’unità di Sistemi Elettrici per l’Energia dell’Università di Bologna.

 

Analisi del comportamento di installazioni elettriche soggette a fulminazione

Sistemi Elettrici per l’Energia

Attività di Ricerca