Copertina

 

Indice del libro

 

Prefazione

 

Pagina web del libro presso McGraw-Hill

 

Errata Corrige edizione 2002  

 

Angela Di Febbraro, Alessandro Giua

Sistemi ad Eventi Discreti

McGraw-Hill Italia: 2002.

Ristampa corretta 2011.

 

Pagina web: http://www.diee.unica.it/giua/SED/

 

Ristampa 2011 disponibile print on demand.

 

I sistemi ad eventi discreti sono caratterizzati da uno spazio di stato discreto e non necessariamente numerico. Il comportamento dinamico di tali sistemi è guidato dall'occorrenza di eventi anch'essi discreti che, verificandosi con cadenzamento irregolare non necessariamente noto a priori, determinano istantanei cambiamenti di stato. Le attività individuate dagli eventi sono tipicamente concorrenti e richiedono strategie di sincronizzazione e controllo. Esempi significativi si ritrovano nei processi produttivi, nelle reti di elaboratori elettronici, di trasporto, di comunicazioni.

Sistemi ad eventi discreti introduce all’argomento e guida il lettore, presentando una panoramica sui diversi modelli usati in questo campo (automi, catene di Markov, code, reti di Petri, algebra max-plus) e sulle diverse metodologie di simulazione, analisi e controllo sviluppate per tali modelli. I vari capitoli sono sufficientemente indipendenti l'uno dall'altro e possono anche essere usati singolarmente in un ampio spettro formativo.


Benché gli argomenti trattati siano affrontati da un punto di vista prettamente sistemistico, il libro risulta di interesse non solo per gli studenti dei corsi di studio nell'area dell'Ingegneria dell'Informazione ma anche per gli studenti delle aree dell'Ingegneria Civile e dell'Ingegneria Industriale (chimica, trasporti, gestionale, meccanica), nonché della Matematica (informatica, ricerca operativa), in cui lo studio dei sistemi ad eventi discreti assume particolare rilevanza.